Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Notizie / Danni da maltempo del 22 giugno 2019 - Richieste di contributi per privati e imprese - (!!) La scadenza è stata prorogata al 4 maggio 2020
Navigazione

Territorio

I dati, la storia, lo stradario

città dei motori

WI-FI

logohomepage

SAGRE, FIERE, MERCATI

immagine di chi cerca trova

Danni da maltempo del 22 giugno 2019 - Richieste di contributi per privati e imprese - (!!) La scadenza è stata prorogata al 4 maggio 2020

Si rende noto che la Regione Emilia-Romagna ha approvato le Direttive per la concessione dei contributi per i danni subiti dai privati e dalle imprese a seguito dell’evento calamitoso verificatosi nel territorio di Sant’Agata Bolognese il 22 Giugno 2019 (grandinata).

Si rende noto che la Regione Emilia-Romagna ha approvato le Direttive per la concessione dei contributi per i danni subiti dai privati e dalle imprese a seguito dell’evento calamitoso verificatosi nel territorio di Sant’Agata Bolognese il 22 Giugno 2019 (grandinata).

 Gli atti di approvazione, le Direttive e la modulistica sono disponibili al seguente link:

http://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/piani-sicurezza-interventi-urgenti/ordinanze-piani-e-atti-correlati-dal-2008/eventi-calamitosi-di-maggio-del-22-giugno-e-di-novembre-del-2019-contributi-per-i-soggetti-privati-e-le-attivita-produttive/eventi-calamitosi-di-maggio-del-22-giugno-e-di-novembre-del-2019-contributi-per-i-soggetti-privati-e-le-attivita-produttive

La domanda di contributo deve essere presentata entro il termine tassativo del 4 Maggio 2020  (scadenza prorogata con Decreto del Presidente R.E.R. n. 20 del 27/02/2020).

 

DANNI AL PATRIMONIO DI PRIVATI CITTADINI

Chi può presentare domanda: il proprietario, il comproprietario (munito di delega Mod. B2), il locatario/comodatario/usufruttuario dell’unità immobiliare (con dichiarazione della proprietà Mod. B3), il condomino delegato da altri condomini (in assenza di amministratore di condominio – Delega Mod. B4), l’amministratore condominiale, il proprietario dei beni mobili distrutti o danneggiati ubicati nell’abitazione distrutta o danneggiata

Per quali danni:

Ripristino strutturale e funzionale dell’abitazione danneggiata e di parti comuni danneggiate di opere ed impianti di edifici residenziali limitatamente ai danni a:

 elementi strutturali verticali ed orizzontali;

 finiture interne ed esterne (intonacatura e tinteggiatura interne ed esterne, pavimentazione interna, rivestimenti parietali, controsoffittature, tramezzature e divisori in genere);

 serramenti interni ed esterni,

 impianti: di riscaldamento, idrico-fognario (compresi i sanitari), ed elettrico;

 ascensore e montascale;

Ripristino o sostituzione dei beni mobili distrutti o danneggiati e non più utilizzabili (arredi ed elettrodomestici) ubicati in abitazioni principali distrutte o danneggiate;

(per le altre casistiche consultare la direttiva)

Entità del contributo

- fino all’80% nel caso di abitazione principale del proprietario, e comunque, nel limite massimo di € 150.000,00

- fino al 50% nel caso di abitazione diversa da quella principale del proprietario, e comunque, nel limite massimo di € 150.000,00;

- per i beni mobili € 300,00 a vano e comunque nel limite massimo di € 1.500,00

(per le altre casistiche consultare la direttiva)

Esclusioni

a) immobili destinati all’esercizio di un’attività economica e produttiva

b) pertinenze, qualora si configurino come distinte unità strutturali rispetto all’abitazione (es. gazebo, casetta di legno, pergolato esterno ecc..)

c) aree cortilive e fondi esterni al fabbricato;

d) spese per pulizia e rimozione di fango e detriti;

e) fabbricati o porzioni di fabbricati abusivi o realizzati in difformità

f) fabbricati non iscritti al catasto

g) fabbricati collabenti o in corso di costruzione;

h) i beni mobili registrati (es. autoveicoli, motocicli ecc…)

Modalità di presentazione della domanda

La domanda di contributo (Mod B), fermo restando il termine perentorio del 2 marzo 2020, può essere:

a) consegnata a mano all'Ufficio Protocollo del Comune, sito in via 2 Agosto 1980 n. 118, entro le ore 12,30 del giorno 4 maggio 2020

b) spedita con raccomandata a/r indirizzata a "Comune di Sant’Agata Bolognese Via 2 Agosto 1980 – 40019 Sant’Agata Bolognese” in tempo utile affinché possa essere ricevuta entro le ore 12,30 del giorno 4 maggio 2020;

c) inviata tramite PEC alla PEC del Comune comune.santagatabolognese@cert.provincia.bo.it entro le ore 23:59 del giorno 4 maggio 2020 

Alla domanda occorre allegare:

- copia di un documento di identità in corso di validità del richiedente

- Perizia asseverata/Giurata (Mod B1) - obbligatoria per danni di importo superiore a €. 10.000,00.

- preventivo di spesa/altra documentazione probante le spese sostenute per danni di importo inferiore a €. 10.000,00

- verbale assemblea condominiale, ove occorrente

- perizia della Compagnia di assicurazioni e quietanza liberatoria nel caso di indennizzo assicurativo liquidato/in fase di liquidazione (in presenza di indennizzo assicurativo occorre indicare anche l’importo dei premi assicurativi versati negli ultimi 5 anni)

(per la restante documentazione da allegare consultare la direttiva)

 

DANNI ALLE IMPRESE

 

Chi può presentare domanda: il legale rappresentante dell’impresa proprietaria dell’immobile e/o degli impianti relativi al ciclo produttivo, il legale rappresentante dall’impresa usufruttuaria/affittuaria/comodataria dell’immobile – allegando la dichiarazione di rinuncia sottoscritta dal titolare o legale rappresentante dell’impresa (Mod. C2)

Per quali danni:

Ripristino strutturale e funzionale dell’immobile danneggiato limitatamente ai danni a:

 elementi strutturali verticali ed orizzontali;

 finiture interne ed esterne (intonacatura e tinteggiatura interne ed esterne, pavimentazione interna, rivestimenti parietali, controsoffittature, tramezzature e divisori in genere);

 serramenti interni ed esterni,

 impianti: di riscaldamento, idrico-fognario (compresi i sanitari), elettrico, per allarme, citofonico, rete dati LAN;

Ripristino o sostituzione degli impianti relativi al ciclo produttivo distrutti o danneggiati;

Ripristino o sostituzione di beni mobili registrati, distrutti o danneggiati, oggetto o strumentali all’esercizio di un’attività economica e produttiva, a condizione che tali beni facciano capo all’esercente l’attività economica e produttiva avente sede legale e/o

operativa nel territorio regionale;

(per le altre casistiche consultare la direttiva)

Entità del contributo

- fino al 50% per il ripristino strutturale e funzionale dell’immobile

- fino al 50% per il ripristino degli impianti relativi al ciclo produttivo

- fino all’80% per il ripristino o la sostituzione di beni mobili distrutti o danneggiati e non più utilizzabili

(per limiti, esclusioni e per le altre casistiche consultare la direttiva)

Esclusioni

a) pertinenze, ancorché distrutte o danneggiate, ove le stesse non siano direttamente

funzionali all’attività economica e produttiva (es.: magazzini) o nel caso in cui le stesse si

configurino come distinte unità strutturali rispetto al fabbricato,

b) le aree e i fondi esterni al fabbricato;

c) le spese per pulizia e rimozione di fango e detriti;

d) i fabbricati o porzioni di fabbricati abusivi o realizzati in difformità

e) i fabbricati non iscritti al catasto

f) i fabbricati collabenti o in corso di costruzione;

g) le parti comuni danneggiate di edifici residenziali, in cui, oltre alle unità abitative, siano presenti unità immobiliari destinate ad uffici, studi professionali o ad altro uso produttivo per i quali si applica l’apposita direttiva

h) i fabbricati e i beni che, alla data dell’evento calamitoso, risultavano destinati all’esercizio di attività nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato o nel settore della pesca e dell'acquacoltura;

i) i beni mobili registrati, se non sono beni aziendali, oggetto o strumentali all’esercizio di un’attività economica e produttiva

Modalità di presentazione della domanda

La domanda di contributo (Mod C) deve essere inviata tramite PEC alla PEC del Comune comune.santagatabolognese@cert.provincia.bo.it entro le ore 23:59 del giorno 4 maggio 2020

Alla domanda occorre allegare:

- copia di un documento di identità in corso di validità del sottoscrittore

- Perizia asseverata (Mod C1)

- Dichiarazione del proprietario dell’immobile (autorizzazione al ripristino dei danni all’immobile da produrre nel caso in cui l’immobile sia locato o detenuto ad altro titolo)

- Perizia della Compagnia di assicurazioni e quietanza liberatoria nel caso di indennizzo assicurativo liquidato/in fase di liquidazione (in presenza di indennizzo assicurativo occorre indicare anche l’importo dei premi assicurativi versati negli ultimi 5 anni)

(per la restante documentazione da allegare consultare la direttiva)

 

Per informazioni e modulistica consultare il seguente sito:

http://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/piani-sicurezza-interventi-urgenti/ordinanze-piani-e-atti-correlati-dal-2008/eventi-calamitosi-di-maggio-del-22-giugno-e-di-novembre-del-2019-contributi-per-i-soggetti-privati-e-le-attivita-produttive/eventi-calamitosi-di-maggio-del-22-giugno-e-di-novembre-del-2019-contributi-per-i-soggetti-privati-e-le-attivita-produttive

 

Per informazioni:

Ufficio Ambiente del Comune di Sant’Agata Bolognese

Nelle giornate di Martedì dalle 9.00 alle 13.00 e Giovedì dalle 9.00 alle 13.00

E-mail: ambiente@comune.santagatabolognese.bo.it

Tel. 051/6818911 - 051/6818946

archiviato sotto:
Contatti

Sede municipale: 
Via 2 Agosto 1980, 118 - Sant'Agata Bolognese (BO)

REFERENDUM COSTITUZIONALE

DEL 29 MARZO  2020

logocentriestivi     

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO DEI SERVIZI

logo

teatro bibiena

Meteo

Calendario Eventi

calendario

« aprile 2020 »
aprile
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930